Prestiti per Insegnanti

Un insegnante alla ricerca di un prestito, trova di fronte a sé svariate opportunità, tra le quali una particolarmente indicata per i docenti. Si tratta dei prestiti in convenzione NoiPA. Questo tipo di finanziamento si rivolge direttamente ai dipendenti pubblici e statali coordinati per l’appunto dal sistema NoiPA. Si tratta in pratica di un prodotto interessante in quanto permette di accedere ai prestiti sottostando a condizioni decisamente vantaggiose.

Tra i primi vantaggi che saltano sicuramente all’occhio vi è sicuramente la semplicità e la velocità con cui è possibile ottenere un finanziamento. A riguardo è utile introdurre il progetto “CreditoNet” che permette alle banche e agli istituti finanziari convenzionati un contatto diretto con il sistema NoiPA per l’acquisizione di tutti i dati necessari per il prestito. Prima di proseguire è utile dire per completezza che per accedere a questo sistema esiste una condizione, ovvero quella di essere un insegnante di ruolo.

A questo punto è possibile passare alla scelta della tipologia di prestito più adeguata e, sicuramente, una delle più interessanti è il prestito con cessione del quinto. Cominciamo con il dire che questo prodotto si indirizza ai lavoratori dipendenti, sia pubblici che privati, e ai pensionati, quindi ovviamente i docenti rispettano a pieno questa condizione. Il prestito con cessione del quinto si differenzia dalle altre tipologie di prestito tradizionali in quanto il pagamento della rata per la restituzione viene effettuato attraverso una trattenuta diretta sulla basta paga.

Questa caratteristica rappresenta di fatto una notevole garanzia per il prestatore, banca o ente finanziario che sia, e ne conseguono sia una maggiore propensione dell’istituto creditore a concedere il prestito che l’applicazione di tassi di interesse maggiormente convenienti per il debitore.

Passando invece agli aspetti tecnici del prestito con cessione del quinto, la durata massima del finanziamento è di 120 mesi, mentre la somma massima ottenibile è variabile. Nel calcolo dell’importo del finanziamento bisogna tenere in considerazione diversi fattori, tra i quali, prima di tutto la durata prescelta per l’operazione, che va logicamente a determinare il numero di rate che si è disposti a pagare.

Poi, ovviamente, un ruolo importante nella determinazione del valore ottenibile lo ricopre la retribuzione percepita, in quanto la rata trattenuta non può generalmente superare la quinta parte dello stipendio; infine un cenno a riguardo va anche al TFR maturato e all’anzianità che vanno in parte ad influire nel calcolo.
Considerate queste caratteristiche generali, la cessione del quinto offre diversi vantaggi: in primo luogo, e non si tratta di una cosa scontata, le somme ottenute a titolo di finanziamento non sono vincolate, ma rappresentano liquidità vera e propria a disposizione del debitore, inoltre, la particolare natura di questo prodotto fanno sì che sia possibile ottenere anche cifre maggiori rispetto ad altre forme alternative.

Non bisogna poi dimenticare che la cessione del quinto offre garanzie notevoli ai creditori e tutto ciò si riflette positivamente anche sulla condizione del richiedente, in quanto vi è una buona probabilità, anche per i cattivi pagatori, di ottenere un prestito, una volta che si è in possesso delle poche caratteristiche richieste. Inoltre, lo scarso rischio e la presenza di una rata fissa permettono di ripagare il prestito con un tasso di interesse basso e fisso, sapendo che la rata non può eccedere la quinta parte dello stipendio.

Nello specifico, invece, volendo prendere in considerazione i vantaggi che riguardano concretamente i docenti, troviamo la possibilità di ottenere prestiti in tempi estremamente ridotti attraverso il servizio “CreditoNet” e tassi ancora più convenienti grazie il sistema NoiPA.
Infine, è utile sapere che l’ammissione al sistema NoiPA è possibile attraverso l’apposito portale disponibile online e che, anche per quanto riguarda la cessione del quinto, è possibile ottenere dei preventivi e tutte le informazioni necessarie tramite gli sportelli online messi a disposizione dagli istituti finanziari.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *