Prestiti In Un’Ora

L’instabilità dei mercati internazionali ha creato complessivamente un clima di sfiducia che si è riversato nel contesto economico reale, con influssi negativi che inevitabilmente hanno coinvolto il potere di acquisto del ceto medio della società. Ciò ha portato un conseguente incremento della domanda di credito e micro credito da parte di richiedenti in cerca di liquidità immediata per completare i propri progetti e per vedersi finanziate alcune prefissate necessità. 
Ma come si attinge al mercato del credito in breve tempo? Chi ne ha diritto?
Ecco qualche informazione in più.

Quali sono i prestiti e chi può richiederli

Il prestito in un’ora (o i cosiddetti prestiti-lampo) è rivolto
ad una vasta platea di clienti, è un accesso immediato al mercato del credito anche per cattivi pagatori o a beneficiari protestati che hanno subìto pignoramenti di beni mobili o immobili nel recente passato; anche i dipendenti pubblici, statali, pensionati, i dipendenti di una cooperativa o militari attualmente in servizio possono godere dello stesso trattamento, in quanto anch’essi possono accedere a questo pratico strumento finanziario.


Le tipologie di prestito ottenibile in un’ora sono sostanzialmente due, un prestito di tipo personale o un prestito finalizzato: i prestiti hanno un iter procedurale ed una gestione economico-finanziaria pressoché identica – entrambi si possono ottenere senza la presentazione di particolari motivazioni e per entrambi rata e tasso resteranno fissi per tutto il periodo di finanziamento – la differenza sostanziale consiste nella determinazione dei tassi.

Il finanziamento di tipo personale infatti prevede interessi medio alti, in quanto erogato dietro una velata aleatorietà – il beneficiario ottiene liquidità senza dare giustificazioni di intenti e motivazioni tecnico-economiche – mentre il prestito finalizzato si richiedere per soddisfare una specifica e prefissata esigenza: i tassi saranno più contenuti, in quanto la somma da richiedere è rapportata ad un determinato acquisto, quindi per un ente sovventore i rischi di insoluto e morosità sono commisurati al valore nominale del bene desiderato.

Preventivi in un minuto: ecco il vantaggio degli strumenti informatici

Se si ha necessità di ottenere liquidità in tempi molto rapidi le ricerche online sono uno strumento fondamentale per ricevere un feedback immediato: entro qualche istante infatti è possibile ottenere (o meno) la fattibilità del finanziamento e, in caso di esito positivo considerato il soddisfacimento dei requisiti richiesti, elaborare il prestito secondo le proprie esigenze.

Occorre davvero un minuto per completare i draft precompilati proposti dai vari simulatori online: il primo step è basilare, al richiedente viene chiesto di indicare l’entità del prestito che intende ottenere, nonché la sua professione, altri dati anagrafici e di residenza. Per verificare l’identità del richiedente, il simulatore online procede ad inviare un codice di identificazione all’indirizzo e-mail indicato o tramite SMS al cellulare privato.

Una volta inserito il codice di accesso nel portale sarà possibile accedere alla richiesta formale di prestito, il quale avrà le seguenti caratteristiche: si può richiedere un prestito personale o finalizzato fino ad un massimo di sessanta mila euro, il rimborso è solitamente ricompreso tra i dodici ed i 120 mesi; come già indicato, tale tipologia di prestito è richiedibile anche senza alcuna richiesta specifica, anche per pagatori con un pessimo DNA creditizio ed è ottenibile anche in concomitanza con altri finanziamenti in corso.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *