Piccolo Prestito NoiPA

Il Piccolo Prestito NoiPA è una tipologia di prestito che è rivolto a tutti i dipendenti pubblici statali che fanno parte del sistema NoiPA. Questo prestito era in precedenza erogato dall’Inpdap ed era chiamato piccolo prestito Inpdap. Con la riforma voluta dal governo Monti del 2012 che ha comportato la soppressione di tutti le sedi Inpdap questa tipologia di prestito viene ora erogato direttamente dall’Inps. Scopriamo quali sono le sue caratteristiche cosa fare per potervi accedere.

Le caratteristiche del Piccolo Prestito NoiPA

Il Piccolo Prestito NoiPA ha come sua caratteristica principale quella di essere un prestito davvero facile da ottenere e particolarmente vantaggioso nelle condizioni. La massima quota che è erogabile con questo prestito non deve essere superiore, ma al massimo pari od inferiore, all’importo di quattro mensilità nette dello stipendio che viene percepito. La restituzione del prestito avviene in forma analoga di quella utilizzata per la cessione del quinto, cioè tramite una trattenuta diretta sulla busta paga dei dipendenti. Il periodo di tempo entro il quale deve avvenire la restituzione è al massimo di 48 mesi e quindi 4 anni. Tra le altre caratteristiche abbiamo menzionato in precedenza anche la convenienza, difatti i tassi di interesse applicati al Piccolo Prestito NoiPa sono particolarmente vantaggiosi rispetto a quelli presenti sul mercato. Il vantaggio è quello di pagare una rata fissa ogni mese e con interessi molto più bassi rispetto ad altri prestiti. Guardando alle altre tipologie di prestito il Piccolo Prestito NoiPA pare avere molte similitudini con la cessione del quinto, tuttavia l’importo massimo erogato è minore della normale cessione del quinto ed i tempi per la restituzione sono più ristretti. Per questa ragione non si deve commettere l’errore di valutarlo come una alternativa alla cessione del quinto ma più correttamente come una diversa opportunità che hanno a disposizione i dipendenti della pubblica amministrazione.

Cosa fare per richiedere il Piccolo Prestito NoiPA

Il primo passaggio da fare per richiedere il prestito è quello di iscriversi al portale NoiPA collegandosi al sito internet dedicato. L’invio della domanda avviene esclusivamente online e tale procedura ha permesso di semplificare enormemente i tempi per l’erogazione e l’invio della domanda. Difatti una volta ultimata la registrazione al portale si deve accedere alla sezione denominata Self Service ed inserendo i propri dati di tipo personale si potrà fare la domanda per la richiesta del Piccolo Prestito NoiPA. Una volta effettuata la richiesta ed accolta la domanda si potrà ricevere la somma richiesta direttamente sul proprio conto corrente.

Per poter conoscere in maniera più precisa l’importo ed i cosi del finanziamento sul portale stesso è possibile fare una simulazione del prestito richiedendo un preventivo così da valutare i vari importi erogabili ed i tempi di restituzione in base al proprio piano di ammortamento. 
I dipendenti pubblici statali che hanno bisogno di un prestito di importo maggiore possono sfruttare la possibilità di accedere ai Prestiti in Convenzione NoiPA che sono erogati esclusivamente ai dipendenti pubblici statali.

Le tempistiche di erogazione del Piccolo Prestito NoiPA

La procedura per l’erogazione di questo prestito è notevolmente snella e rapida, dato lo sfruttamento della procedura online. Il dipendente non deve quindi recarsi allo sportello ma effettuare tutta la procedura di richiesta online e successivamente seguire lo stato di avanzamento della pratica direttamente online collegandosi alla sua area riservata. Difatti una volta effettuata la domanda si può vedere in ogni momento lo stato di lavorazione della pratica ed il suo esito.
Una volta che il dipendete vedrà nel suo profilo che la richiesta è stata accolta con esito favorevole dovrà solo attendere di ricevere l’importo finanziato direttamente sul conto corrente dove riceve mensilmente il proprio stipendio.
Solitamente i tempi medi di erogazione del Piccolo Prestito NoiPA variano tra i 45 ad un massimo di 60 giorni tra la data in cui si effettua la richiesta e l’erogazione.
In pratica con un lasso di tempo massimo di 60 giorni dall’effettuazione della richiesta il dipendente pubblico potrà avere a disposizione ed utilizzare comodamente la somma che ha richiesto.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *